Insalata di indivia: composizione e proprietà utili

Insalata di indivia
Sono finiti i giorni in cui i verdi nei giardini erano rappresentati solo con aneto e prezzemolo. L’attuale gamma è molto più ampia e le varietà offerte nei mercati sono in grado di soddisfare qualsiasi buongustaio. Inoltre, molti di loro possono aiutare nel trattamento di un certo numero di malattie. Impariamo di più su una di queste piante, prestando attenzione all’insalata di indivia.

descrizione

Una preziosa pianta ci venne dall’India, “transito” attraverso il Mediterraneo. Un altro nome è la cicoria di insalata.

In effetti, è molto simile a un’insalata, e questa somiglianza è esaltata dalle foglie ricche di un ricco colore verde. Ma se si guarda da vicino, si scopre che l’indivia ha un foglio di “design” leggermente diverso, inoltre non sono larghi e divisi come un’insalata.

Nei mercati il ​​più delle volte si imbatte in rappresentanti di due varietà: ricci e latifoglie. Kochanchiki di medie dimensioni (fino a 12 cm), mentre graziosamente ben pressati e spiccano in un tono verde chiaro.

Molto più raro ci sono foglie e pannocchie di colore giallo, bordeaux e rosso, a indicare l’appartenenza a varietà più esotiche e puramente mediterranee.
Indivia latifoglia

Importante! Eliminare il retrogusto amaro ponendo le foglie in acqua tiepida per 20 minuti seguiti da un risciacquo. Succede che sono leggermente legati e che è necessario aggiornare rapidamente – quindi hanno semplicemente messo in acqua ghiacciata.

Le foglie hanno un sapore amaro. Forse, quindi, questa cultura non è ancora diventata di massa alle nostre latitudini. Le complessità sono anche aggiunte dalla cura originale per tali piantagioni. D’altra parte, grazie alla sua indivia di composizione ha un numero di proprietà utili.

Contenuto nutrizionale e calorico

Le foglie crude sono tra gli alimenti a basso contenuto calorico – in un 100 grammi servono solo 17 kcal. È solo l’1,19% della tariffa giornaliera. Lo stesso numero è:

  • 3,4 g di grasso;
  • 3,1 g di fibra alimentare (principalmente cellulosa);
  • 1,3 g di proteine;
  • solo 0,2 g di grasso;
  • 93,79 g di acqua.

Non c’è da meravigliarsi se la cicoria da insalata cerca di includere nel menù dietetico. Dà il massimo beneficio con un carico GI minimo, inoltre è innocuo per i tratti vascolari.
Insalata di indivia

Tra i cibi a basso contenuto calorico sono: carote, patisson, sedano, pomodoro, peperoncino, carciofo, broccoli, cavolini di Bruxelles.

Composizione chimica

Queste foglie si differenziano favorevolmente da altre piante ad alto contenuto di vitamina A. Inoltre, sono saturi:

  • vitamine del gruppo B; tra questi notiamo B1 (tiamina), acido pantotenico (B5) e piridossina (B6);
  • vitamina C;
  • minerali di base (ferro, potassio, rame, manganese);
  • calcio
  • carotene;
  • fosforo;
  • zolfo e cloro, che sono presenti come elementi in traccia.

Insalata di Cicconi

Lo sai? La coltivazione culturale di indivia su scala industriale iniziò nel XVIII secolo. La principale area di “agricoltura” è il sud dell’Italia e della Francia, anche se le piccole piantagioni si trovano anche nelle zone più severe del clima di Olanda, Inghilterra, Paesi Baltici.

La lista è impressionante, ma c’è un altro componente utile, vale a dire l’insulina. Il suo contenuto nelle foglie non è troppo grande, ma nelle radici la concentrazione raggiunge il 55-60%. Per le persone che soffrono di diabete, questo può essere un aiuto significativo.

Qual è l’uso?

L’abbondanza di minerali utili e acidi amplia notevolmente la portata di questa cultura. Oltre alla gastronomia, è ampiamente utilizzato per la perdita di peso, in cosmetologia e come medicina. Con l’ultima “ipostasi” e iniziare.

Nel trattamento

Le foglie sono spesso la base per vari decotti e tinture, anche se anche semplici da loro freschi hanno proprietà curative invidiabili.
Insalata di indivia
Tutti questi composti possono essere usati per trattare tali malattie:

  • Anemia e ipertensione. Il succo tonifica i vasi sanguigni e normalizza il sanguinamento. Per un effetto migliore, aggiungere il prezzemolo e il sedano.
  • Asma. Gli attacchi verranno gradualmente a zero, se si mescola il succo con succo di sedano e si prende regolarmente la miscela risultante.
  • Glaucoma. Mescolando gli ingredienti menzionati in parti uguali e aggiungendo un “mix” di carote di spinaci, ripristinerai la visione in pochi mesi. Un trucco quotidiano di una volta (non più di 180 ml) per la prevenzione escluderà la possibilità stessa di problemi “oculari”.
  • Diabete. A causa dell’insulina contenuta nelle radici, è possibile “abbattere lo zucchero” in modo significativo. In alcuni casi, la pianta può persino sostituire le iniezioni (ovviamente, se è approvata dal medico curante).
  • Costipazione. La retina lievemente digeribile ripristina la pervietà. Per fare questo, basta mangiare un paio di foglie, lavate con succo di carota.
Importante! Al momento dell’acquisto, scegli foglie brillanti e croccanti. Pallido, letargico e troppo rigido, al contrario, non adatto. Quando torni a casa, assicurati di risciacquarli con acqua corrente. E per “neutralizzarli”, puliscili con una miscela di aceto (75-100 ml) e sale (0,5 cucchiaini).
  • Stallo della bile e “glitch” nella secrezione del fegato. In questo caso, il succo di endivia agisce come un catalizzatore, che accelera il processo di pulizia delle strade. L’enzima intibin è responsabile di questo.
  • Cancro. L’assunzione regolare di succo riempie il bisogno del corpo di vitamina A, che impedisce la comparsa di tumori nel polmone e nel retto. Blastomi e melanomi che si presentano nella cavità orale e nella vescica anche “lo temono”.

Succo di indivia

In cosmetologia

Le “abilità” curative di questa varietà sono pienamente utilizzate dai cosmetologi. Ciò è dovuto al fatto che il succo stesso è in grado di “disperdere” il sangue, migliorando così il metabolismo e normalizzando la nutrizione del derma.

Inoltre, un fluido simile stringe perfettamente le piccole ferite, aiuta a combattere l’eruzione cutanea, rimuove efficacemente l’acne. Il metodo di ricezione può differire – dipende dallo stato di salute umana e, di fatto, dalla natura del problema estetico.

Nei cosmetici sono ampiamente utilizzate piante quali ananas, corniola, fragola, amaranto, albicocca, ciliegia di uccello, enotera, timo, rafano, cenere di montagna rossa e anguria.

Se il corpo è alquanto indebolito (ad esempio, da stress), quindi iniziare con l’uso interno del succo. Per una persona sana, improvvisamente di fronte alla comparsa di acne o punti neri, abbastanza e un breve corso di “lozione” o comprime.

In dietetica

Sappiamo già dell’endivia a basso contenuto calorico. Questo fatto ha reso possibile utilizzarlo in qualsiasi fase della dieta. Può essere aggiunto ad insalate e contorni o semplicemente “chunk” come piatto separato.
insalata
I nutrizionisti osservano che la pianta è perfettamente assorbita dal corpo, agendo secondo il principio del “massimo beneficio con il minimo danno”. Così è – non “intasare” lo stomaco con le calorie, questo prodotto lo fornisce con la fibra, che normalizza il suo lavoro.

Probabilmente ti interesserà leggere le proprietà utili di insalate, lattuga, crescione e iceberg.

A proposito, 100 g di questa insalata contengono l’8% della norma giornaliera di questa fibra. Un’altra caratteristica – le foglie “acquose” non solo forniscono un’intera gamma di sostanze utili, ma contribuiscono anche a una rimozione più attiva del liquido.

Tali argomenti sono sufficienti per includere la cicoria di insalata nel programma di dieta. Il risultato sarà visibile dopo 2-3 settimane.

Uso culinario

I buongustai hanno familiarità con il marchio “amarezza”, che è famoso per l’indivia. Per preparare piatti diversi, tutte le parti della pianta sono adatte, come foglie e radici.

Ma c’è una sfumatura su cui vale la pena ricordare. Le cosiddette foglie esterne (sono le più vecchie) sono considerate le più amare, è meglio tagliarle in una volta sola – sfondare nel nulla.

Le foglie giovani sono utilizzate per preparare diversi tipi di insalate. Per ottenere un gusto più morbido, sono leggermente conditi con una miscela di olio d’oliva e succo di limone.

Il piatto risultante completerà perfettamente la carne, cotta sulla griglia o “avvolta” in un foglio. A proposito, alcuni lo sostituiscono con le stesse foglie – con una lavorazione termica prolungata, “amarezza” va via.

Importante! Per immagazzinaggio è necessario assegnare un posto freddo scuro lontano da prodotti con un odore forte – le foglie sono molto sensibili agli odori circostanti.

Non male e un contorno, a completare piatti di pesce. Ma la combinazione con altri frutti di mare è già un dilettante (una piccola amarezza può “abbattere” il loro gusto delicato).

Visto indivia e vegetariani, che lo aggiungono alle zuppe e alle casseruole “verdi”. Casalinghe esperte facilmente “lasciano” le foglie per salse o condimenti.
insalata

Danno e controindicazioni

La cicoria di insalata, come hai visto, porta molti benefici, ma nel perseguimento dell’efficienza, non dimenticare il possibile danno.

A rigor di termini, il rischio di complicanze è piuttosto limitato. Con ammissione moderata per qualsiasi scopo (che si tratti di trattamento o perdita di peso), questa coltura non è in grado di causare danni significativi.

Lo sai? I primi a cambiare il caffè in cicoria furono i tedeschi – nella seconda metà del XVIII secolo la ricetta fu realizzata dal giardiniere della Turingia Timme. Ben presto la tecnologia fu dominata in Russia, in particolare nella provincia di Yaroslavl, che era il leader nella coltivazione di colture utili.

Un’eccezione può essere a meno che l’intolleranza individuale della pianta, che può manifestarsi in reazioni allergiche percettibili o in disturbi dello stomaco transitori (che accade molto meno spesso).

L’alta concentrazione di vitamina A indica che l’assunzione di queste foglie nel cibo è incompatibile con il fumo e l’assunzione di alcol.

Se non ti libererai di tali abitudini, dovrai almeno mantenere un intervallo minimo di 6 ore (“prima” e “dopo”). Questa semplice regola ti proteggerà da spiacevoli conseguenze e complicazioni.
Insalata di indivia con foglia larga

Lo sai? Sorprendentemente, la cicoria è considerata un “parente” di un dente di leone. Entrambi i generi biologici entrano nella stessa famiglia di astrociti per classificazione.

Hai imparato cos’è l’indivia e dove questa pianta può essere utilizzata. Speriamo che gli esperimenti culinari (così come altri modi di utilizzarlo) possano trarne beneficio. Salute e altri momenti “deliziosi” nella vita!


Like this post? Please share to your friends:
Leave a Reply

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

77 − = 70

map